È bastata un’occhiata disinteressata alla stagione dei Cavs per capire che i Playoff di quest’anno avrebbero richiesto un Lebron James in versione Monstre. La regular seasono aveva già presentato, probabilmente, il miglior Lebron in carriera, a tratti a dir poco spaventoso nella capacità di produrre e tarscinare la squadra. Un trend che è proseguito nei Playoff, prima con Indiana e adesso con Toronto.

Una prestazione via l’altra da stropicciarsi gli occhi, tra triple doppie e canestri decisivi. Una missione che non è passata inosservata neanche sui social, tra i fan più accaniti e gli immancabili haters. Ma Lebron è così, capace, come tutti i grandi, di dividere e creare conversazioni.

Lebron James, i volumi delle conversazioni nell’ultimo mese

Quasi un milione le conversazioni da inizio Aprile sui social sul tema Lebron James,. Un numero che esemplifica bene l’interesse e che ha giovato del buzz riguardante l’inizio Playoff, ma senza dubbio anche delle ottime prove del Re.

Alti anche gli autori unici, a dimostrazione del folto seguito che l’NBA odierna ha a livello digital.

lebron james

Il picco maggiore tra il 26 e il 27 Aprile con il canestro della vittoria delo stesso Lebron in gara 3 nella serie contro Indiana. Ecco i principali contenuti artefici di questo picco:

lebron james

Lebron James: sentiment e interazioni

Spostando l’analisi du parametri più “qualitativi” ci accorgiamo di quanto l’ultimo mese abbia spostato la percezione degli utenti su Lebron. Il sentiment positivo si attesta sul 23% (quello medio degli utlimi 13 mesi era al 20%), ma a cambiare in modo netto è quello negativo che passa dal 18% dell’ultimo anno al 11%. Anche in questo caso le variazioni sono strettamente connesse alle gare giocate.

Molto alte anche le interazioni che vanno vicino ai 6 milioni e mezzo (6,4M).

lebron james

I principali topic

Tra le tematiche trattate sono ovviamente i playoff e la serie con Indiana a dominare la scena. Presenti anche gli immancabili richiami alla gara e ai singoli gesti che ne fanno parte come ASSIST, REBOUND, BLOCKS. Interessante la presenza di #WHATAVERITTAKES, l’hashtag ufficiale lanciato dai Cavs per questi playoff.

Sempre più importante l’uso degli emoji nelle comunicazioni social odierne: presente infatti la corona, simbolo che richiama il soprannome di Lebron “The King”.

lebron james

Lebron James: le conversazioni su Twitter

Approfondendo l’analisi su Twitter, troviamo tra gli account menzionati maggiormente ovviamente quello dei Cleveland Cavaliers, quelli di King James e di alcuni celebri opinionisti tv americani. Tra tutti spiccano Shannon Sharpe, ex campione di Football oggi prestato alla televisione, e Skip Bayless, protagonisti di Undisputed, nota trasmissione di Fox Sports 1.

Nessuna sorpresa sugli hashtag utilizzati, strettamente legati ai playoff. La maggiorparte sono hashtag ufficiali, dimostrazione dell’ottima comunicazione inrapresa dalla NBA e dai suoi team.

lebron james

Tra i contenuti più rewtittati troviamo invece un tweet ironico sulla love stories tra Tristan Thompson, compagno di Lebron (oltre 31mila retweet). Seguono contenuti più legati al basket, con forte richiamo alle prestazioni top di Lebron.

lebron james

NB: l’analisi è stata realizzata con Talkwalker

Matteo Pogliani

Toscano di nascita ma lombardo di adozione, ho parlato prestissimo e non ho più smesso. #socialmedia & #web strategist at @Open_Box - blogger at @ninjamarketing